L'albergo riaprirà il 18 giugno 2020 - ci rallegriamo di darvi il Benvenuto
Clicca QUI per aggiornamenti sull'albergo e dalla nostra destinazione

Da subito le camere sono prenotabili nella rubrica "Prenotare"

Ritratto e statua di Michail Ignátieff

 Italiano   |   English   |   Deutsch   |   Français

I suoni del suo strumento triangolare risuonavano nei saloni dell'Hotel International au Lac e sui palcoscenici più famosi della nostra regione, poiché "Micha" è stato più volte ospite e di Alice Schmid-Disler e Giulio Schmid a Lugano.

Nato nel 1910 a San Pietroburgo, di origine russa, vive in Germania dal 1918. Nel 1927 esordisce, a partire dal 1931 inizia una carriera senza precedenti che lo porta ad incontrare, tra gli altri, F. Schaljapin. Nel 1935 registra il suo primo disco, nel 1936 si trova per la prima volta davanti a una telecamera a Berlino. Concerti, radio, televisione e dischi hanno confermato l'artista come il principale attore di balalaika del mondo occidentale per decenni. Ignátieff ha scritto una "scuola di balalaika artistica" e ha incoraggiato - oltre alle sue composizioni - i compositori contemporanei a creare una letteratura balalaika. Michail Ignátieff è morto nel 1991 ad Amburgo.

Michail Ignátieff

La Balalaika
La Balalaika cromatica così come la conosciamo oggi ha circa 100 anni. Fu perfezionata alla fine del XVIII secolo da Vasily Adréieff a partire dal vecchio strumento popolare russo e portato nelle sale da concerto e alla corte di San Pietroburgo. Valerian Schumakóff, Nikolai Sinkowsky e Michail Ignátieff hanno assicurato la diffusione dello strumento nazionale russo in Occidente.
Michail Ignátieff ha introdotto la balalaika come strumento da concerto solista nelle sale da concerto dell'Europa occidentale e ha scritto una "Scuola di Suonare la Balalaika Artistica", che è stata pubblicata in tedesco, inglese e russo.
Le tre corde della balalaika, una corda d'acciaio e due corde di nylon, si colpiscono direttamente con le dita, proprio come sull'arpa, sul liuto o sulla chitarra. Questo rende il suono nobile e capace di modulazione.

Michail Ignátieff  su Wikipedia